La nostra storia lunga tre generazioniDa sempre a S.Agata sui due Golfi

La nostra storia

La Macelleria Due golfi nasce negli anni 90, anche se le persone che vi lavorano cominciarono nel ramo del commercio di carni nel lontano 1960.

Infatti, è nel 1960 che un baldo giovane di nome Mario Apuzzo si sposta dal paese natio (Moiano, una frazione di Vico Equense) per cominciare a lavorare come garzone di bottega in una macelleria di S. Agata, opera che svolgerà sino al 1965.

Infatti, è nel 1965 che dopo essersi sposato con una dolce donzella di nome Immacolata Persico conosciuta sul posto di lavoro, decide insieme di aprire la prima attività in proprio a Torca piccola frazione di Massa Lubrense.

Dal 1965 al 1967 Mario e Immacolata consolidano la loro clientela e non solo (nel frattempo la famiglia si allarga con la nascita delle prime figlie, parliamo al plurale perché alla fine i figli saranno ben sette due maschi e cinque femmine).

Nel 1967 i due sposi colgono l’occasione di spostare l’attività a S. Agata e con grandi sacrifici riescono a comprare un magazzino e a iniziare una nuova avventura insieme, avventura che negli anni 90 con l’avvento del figlio Vincenzo, che nel frattempo era l’unico dei figli a seguire le orme del padre, prende il nome di Macelleria Due Golfi S.n.c.

Oggi quell’avventura si è trasformata in una solida realtà Santagatese, una realtà sinonimo di fiducia nel rapporto cliente-negoziante che ormai si tramanda di generazione in generazione non sono pochi, infatti, i clienti attuali che sono nipoti o figli dei primi clienti della macelleria.

Certo questo risultato si è raggiunto grazie alla passione e all’impegno che Mario e famiglia hanno messo nel lavoro e nella ricerca della qualità delle carni, infatti, Mario o Don Mario come nel ramo è chiamato, ha dato come priorità nel suo lavoro l’onestà e la garanzia di assicurare un prodotto di prima qualità da mettere in tavola, valori che lo stesso hanno tramandato al figlio al quale spetta l’arduo compito di confermare i risultati raggiunti dal papà!